Android e Windows Phone: Storie che si ripetono

337-windows-8-vs-android-jpg

Android e Windows Phone

Android e Windows Phone: a lezione di storia!

Quest’oggi un articolo inusuale, un confronto o meglio una piccola finestra su Android e Windows Phone rispettivamente giunti alla versione 4.3 e 8. Perché vi chiederete di un confronto simile soprattutto perché parlarne su un sito nato e pensato per Android, è presto detto: Windows Phone 8 ha raggiunto una maturità paragonabile a quella di Android ai tempi della versione 2.0 (nota come Eclair). Eclair non durò molto, i dispostivi erano ancora affetti da una significativa mancanza di memoria interna pari a poche decine di MB disponibili e le applicazioni (e le foto scattate) richiedevano più spazio, la svolta fu Froyo (Android 2.2) che permetteva di installare applicazioni sulle memorie esterne oltre a tante altre funzioni. La solidità venne in ogni caso raggiunta con Gingerbread e le successive release. Per certi aspetti WP8 è a questo punto, ma i tempi sono diversi e le tecnologie migliori.

Windows Phone viene rilasciato nella sua nuova forma il 1 settembre 2010 con la versione 7.0 (WP7.0) Android venne alla luce nel settembre del 2009 e quando uscì WP7.0 era già alla versione 2.2.2 (ovvero Froyo, che per certi aspetti può essere considerata la 3° generazione) le tempistiche sono sicuramente importanti e vedremo perché. In quel particolare periodo tutti volevano investire su Android: era il momento giusto e l’onda del robottino verde era alta, altissima che travolse tutto e tutti. Chi poteva pensare di puntare su altri cavalli quando c’era un favorito del genere? Chi? Solo chi aveva puntato tutto su un cavallo sbagliato, o per meglio dire un vecchio stallone che ormai doveva ritirarsi e che invece è stato portato allo stremo in una gara che non poteva vincere. Di chi sto parlando? Di Nokia e di Symbian, tanto amato e ormai dimenticato sistema operativo a cui forse si devono i primi smartphone per come li intendiamo oggi, ma questa è un’altra storia. Nokia quando poteva scegliere Android decise di non affidarsi ad un sistema immaturo e rimase ferma a coccolare la sua bestiola, Symbian, lo migliorò ma poi arrivò Apple e il suo iPhone e Nokia dopo poco dovette ammettere la sconfitta del suo ormai datato e privo di futuro sistema operativo. Al punto di svolta societario Nokia decise di affiancare, insieme ad HTC e Huawei, Microsoft nella diffusione di un nuovo sistema operativo e la qualità di Nokia in fatto di cellulari è nota (qui il rammarico di non avere ancora oggi un cellulare Nokia dotato di Android, ndr).

Eccoci alla svolta, dopo un primo impatto scettico WP7.0 inizia a prendere piede, ma la fama di Nokia e di Microsoft non bastano a fare il botto, il mondo era diviso da chi voleva svincolarsi da sistemi chiusi e fare a modo suo (leggi Android, ndr) e da chi questo non gli importava e far parte della massa (leggi iOS, ndr) ma c’era anche chi voleva sperimentare qualcosa di nuovo e chi magari per motivi di lavoro voleva avere pc e cellulare sotto la stessa bandiera.

Passa un anno e WP passa alla versione 7.5 amata e odiata, si sperava nella svolta ma nonostante tutto la maturità raggiunta a settembre 2011 è davvero notevole, manca ancora qualcosa, l’appeal che ormai hanno iOS e Android ormai giunto alla sua forma quasi completa, infatti ad ottobre 2011 esce Ice Cream Sandwich (Android 4.0), ma il robottino deve fare i conti con la frammentazione che tanto l’ha portato in auge ma che ad un certo punto diventa un problema, quanto meno di gestione degli aggiornamenti e politiche di supporto dei diversi produttori.

La filosofia di WP comincia però a prendere piede e in vista di Windows 8 per pc e la promessa di una unificazione di servizi tra smartphone, tablet e pc tutti gestiti dallo stesso sistema operativo incuriosisce molti e dopo un minor update WP7.8 arriva finamente WP8 e siamo già ad ottobre del 2012, con cadenza quasi annuale WP raggiunge la sua terza edizione. Mentre Android è maturo e ha realizzato Android 4.1 Jelly Bean (e ora 4.3) WP è alla svolta generazionale, così come lo era Froyo.

Il confronto tra Android e Windows Phone: è possibile?

Partiamo da un presupposto, non è possibile paragonare ancora i due sistemi operativi (Android e Windows Phone) almeno non in chiave di maturità e prestazioni, ma è possibile parlarne in termini di utilizzo, di scelte tecniche e di costi, facendo anche un confronto tra generazioni di telefoni. E vi propongo una sfida generazionale basata sull’esperienza di chi scrive quest’articolo in termini di utilizzo e conoscenza di smartphone e sistemi operativi mobili. Sul ring per “Android e Windows Phone”: nell’angolo alla mia sinistra un top gamma di altri tempi HTC Sensation e nell’angolo alla mia destra un entry level Nokia Lumia 520, ci sarebbe da storcere il naso, ma all’inizio dell’articolo parlavo di tempistiche tecnologiche e queste per molti aspetti vanno a favore di WP. Vediamo come:

HTC Sensation esce a settembre del 2011 con a bordo Android 2.3, Cpu dual-core da 1,2 Ghz, 1 GB di memoria, schermo 4,3′ 960×540 e 768 MB di RAM, prezzo iniziale 599€, oggi a circa 259-299€.

Android e Windows Phone

Nokia Lumia 520 uscito a giugno 2013 con Windows Phone 8, Cpu dual-core da 1 Ghz, 8 GB di memoria, schermo 4′ 800×480 e 512 MB di RAM, prezzo iniziale 199€, oggi a circa 129-159€.

Android e Windows Phone

Sulla carta è visibile quanto i due hardware si assomiglino ma come la differenza di prezzo sia nettamente a favore di un WP e soprattutto in termini di memoria interna. WP8 è davvero arrivato al punto di maturità così come lo fu Froyo (e Gingerbread) per Android, ma con un vantaggio, la disponibilità tecnologica (in termini di costi) che mancava nel “lontano” 2011. Questo cosa significa? Semplicemente che è possibile godere di una fluidità e operatività ad un livello base che difficilmente potremo trovare altrove. Ovviamente per godere a pieno delle potenzialità di WP8 la scelta non potrà che cadere su smartphone top gamma, ma le basi di una buona diffusione partono dagli entry level soprattutto a prezzi accessibili storie simili quelle di Android e Windows Phone!

Android e Windows Phone: esperienza d’uso!

Sicuramente passare da Android a Windows Phone è un passo difficile, vuoi per la filosofia dietro il robottino e per l’appeal di certi devices ma è un passo possibile e questo articolo vuol proprio essere una finestra su questo aspetto. Nokia ha dalla sua una potenza base decisamente all’avanguardia e collaudata con una cpu dual-core da 1Ghz è sufficiente a garantire una buona velocità e reattività. La prima cosa su si impatta è l’interfaccia Metro (o Modern che dir si voglia) che per chi è abituato a home page spaziose, sfondi colorati e widget è sicuramente un aspetto da tenere presente, ma Windows è Windows e se c’è una cosa che ha imparato e che ha voluto fortemente con Windows 8 è l’immediatezza dei comandi e fornire all’utente quello che vuole subito, senza troppi giri (o meglio “tappate” sullo schermo). Modern è elegante, minimalista e funzionale insomma in un “tap” siete sui messaggi, con un altro su internet e con un altro ancora sullo Store, certo cose che si possono fare tranquillamente su Android ma che comunque colpiscono e non sono “di serie”, potremmo certamente riempire di icone le nostre schermate ma perderemmo molto e come la giriate dovremo sempre passare dal menù il più delle volte (che sia meglio o ininfluente sta a voi deciderlo).

Un altro aspetto sbalorditivo è il browser di serie, il buon vecchio Internet Explorer 10 il quale anche su un entry level ha una fluidità e reattività impressionanti. I menù rispecchiano la nuova filosofia di Windows 8 e cercano di essere i più chiari possibili e di aiutare l’utente nelle impostazioni preferite. Lo Store non è ancora paragonabile al Play Store ma per queste cose ci vuole tempo sia per quantità che per qualità. Le applicazioni Microsoft più apprezzabili sono quelle che ci accompagnano da anni sui pc: Word, Excel, Hotmail… Per il comparto intrattenimento Nokia ha dalla sua un’esperienza basata su fotocamere e comparti audio tra i migliori nel settore mobile e non c’è da sorprendersi della qualità che si può trovare anche in smartphone di fascia bassa.

Posso dire di essere stato piacevolmente colpito da questo WP8 e dal Nokia Lumia 520 soprattutto perché ho potuto confrontarlo con un HTC Sensation che ancora oggi può essere considerato un validissimo smartphone. Se avete un amico o un conoscente che ha un terminale con WP8 provatelo prima di dare giudizi affrettati.

Android e Windows Phone: chi la dura la vince?

E’ chiaro che Windows abbia fatto bene i compiti a casa in questi anni e che se sarà fortunata si potrà ritagliare una fetta di mercato importante (cosa che sta già accadendo). Windows Phone è maturo? Abbandoneremo presto i nostri robottini verdi e passeremo a un sistema unificato sotto la bandiera (squadrata, ndr) di Windows 8? Ovviamente il tempo ce lo dirà; quello che è certo è che un tempo nessuno avrebbe pensato ad un futuro così roseo per Android e Windows Phone è allo stesso punto, il momento esatto in cui imparare dai propri errori di gioventù e diventare grandi, maturi. E’ quasi impensabile un avvenimento rivoluzionario simile ad Android ma nessuno può saperlo con certezza.

WP8 è decisamente un’esperienza da vivere e da valutare obbiettivamente, ancora non è maturo da poter pensare di impensierire Android (o iOS) sul breve periodo ma è sulla strada giusta per un ruolo importante nel prossimo futuro.

Voi avete mai provato a fare un confronto con Android e Windows Phone? Cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti!!!

BUON FERRAGOSTO A TUTTI I NOSTRI LETTORI! 😉

Android e Windows Phone: Storie che si ripetono ultima modifica: 2013-08-15T10:00:46+00:00 da Sergio Tosi

migliori servizi AndroidMigliori rubriche e servizi offerti da Tuttoapp-android:
A) Pubblicizzare applicazioni in maniera professionale ed efficiente;
B) Migliori smartphone Android (con prezzi aggiornati ogni 5 ore);
C) Migliori tablet Android.

Sergio Tosi

Laureato magistrale in ingegneria energetica e nucleare al Politecnico di Torino ed appassionato di tecnologia! Vecchio sostenitore di Symbian, oggi felicissimo possessore di un Nexus 5 (e prima ancora Nexus 4) e innamorato dell'universo Android da sempre!

Potrebbero interessarti anche...

  • Raul Merelli

    Bell’ articolo , non avvantaggia nessuno, chiaro e specifico. Ho fatto uso di vari terminali, miei o di qualche amico e parente, e li ho passati tutti meno che blackberry. Partito da Java, desideravo qualcosa di più dal mio telefono, ed ecco che conosco Windows Mobile 5, simile a Windows 2000, ma moooolto ridotto. Conosco dopo Symbian, su un c6 di Nokia, non mi era piaciuto fin da subito per la scarsità di compatibilità di applicazioni fra i vari terminali. Arriva Android. Su un s2 e un s3 e su un Ngm ho avuto più volte occasione di usarlo, a parer mio troppo personalizzabile, lento, e troppo “Google”. Arriva ios. Provato parecchie volte su iPhone 4 e 3g , bello ma troppo disordinato , un Po come Android. Ora possiedo un wp8 dove mi trovo bene, insoddisfatto da questa immaturità simile al froyo di Android. Mancanza di possibilità del background di applicazioni, per esempio. Ma sono felice che la maggior parte degli errori non ci saranno più dopo l’ aggiornamento all’ 8.1 . Wp è bello solo un po’… Froyo!

  • adel90

    Complimenti, bel articolo… Io ho Android da un bel po ma ho avuto anche wp e sinceramente se non fosse per il market ancora un po vuoto sarei passato a wp ad occhi chiusi, fluido performante, poi nokia è pur sempre nokia e si vede 🙂

    • Sergio Tosi

      Grazie 🙂

Shares