Principali differenze tra runtime art e dalvik cache (semplificate)

Con l’avvento di Android 4.4 KitKat, Google ha introdotto la possibilità di cambiare compilatore, permettendoci così di passare da Dalvik a ART a nostro piacimento. Nonostante Runtime ART comporti un netto miglioramento delle prestazione e un elevato aumento della durata della batteria, esso è ancora alla prima release, ma le applicazioni del Play Store che potrebbe non supportare sono davvero pochissime.

Normalmente, per spiegare concetti così difficili, si dovrebbero utilizzare termini specifici e non noti a tutti; tenterò dunque di rendere il linguaggio più semplice possibile e comprensibile per qualsiasi utente.

runtime art
Mi sembra opportuno, prima di elencare le differenze, spiegare un attimo di cosa stiamo parlando.
Per chi non lo sapesse, la Dalvik (e anche ART) è quella macchina virtuale presente su Android che provvede a lanciare ed eseguire le applicazioni, per dirla in modo molto semplificato. Va da sè che, avere una macchina virtuale molto più efficiente, comporta una velocità di esecuzione maggiore. Ed è proprio questo lo scopo di Google con l’introduzione di ART.
In termini assoluti ART potrebbe “finalmente rendere Android reattivo e fluido come iOS” scrive Sebastian Anthony su ExtremeTech.
Il compito di ART è quello di impiegare qualche secondo in più in fase di installazione delle app (la differenza di tempo si nota solo sulle app pesanti) per poi poterle avviare in tempi dimezzati se non di più, e evitare rallentamenti, lag  e crash.

Per poter passare da dalvik a art, basta avere la batteria ALMENO al 60% e andare in:
Impostazioni–> Opzioni sviluppatore–> Seleziona runtime
Una volta fatto ciò, il telefono si riavvierà (tempo 3-5 minuti) e sarà tutto pronto.
Il riavvio richiederà maggior tempo se le applicazioni installate sono parecchie.

Le principali differenze sono un netto miglioramento della batteria e una velocità maggiore per tutto il sistema, dall’apertura delle app alla fluidità del telefono.

ART sarà quindi il futuro runtime Android, e già dalla prossima major release del sistema dovrebbe essere pronto per essere adottato al posto della Dalvik. Durante i prossimi mesi, quindi, gli sviluppatori potranno studiarlo ed ottimizzare le proprie applicazioni al fine di ottenere le migliori prestazioni.
ART è ormai adatto all’utilizzo giornaliero, quindi si presuppone che alla prossima versione android lo troveremo già preimpostato. 

Cosa ne pensate? Usate già ART o ancora Dalvik?
Fatecelo sapere nei commenti, ciao!

L.M.

Principali differenze tra runtime art e dalvik cache (semplificate) ultima modifica: 2014-01-19T15:51:35+00:00 da Lorenzo Maccagni

migliori servizi AndroidMigliori rubriche e servizi offerti da Tuttoapp-android:
A) Pubblicizzare applicazioni in maniera professionale ed efficiente;
B) Migliori smartphone Android (con prezzi aggiornati ogni 5 ore);
C) Migliori tablet Android.

Lorenzo Maccagni

Ragazzo del '97, con la passione per tecnologia, calcio e chitarra, alla prima esperienza come Admin di un sito.

Shared