Recensione LG G5 – Smartphone modulare ed innovativo

Recensione LG G5L’innovazione nel settore smartphone in questi ultimi anni non è stata così sorprendente. All’ultimo Mobile World Congress LG, stupendo tutti, ha presentato il primo smartphone modulare pronto per la vendita al pubblico chiamato LG G5.

Ovviamente si tratta del successore del precedente top di gamma G4, terminale che ha riscosso un notevole successo raccogliendo molti pareri positivi. L’azienda coreana però non ha seguito per niente la sua filosofia adottata negli ultimi anni, cambiando radicalmente il design e la sua interfaccia su quest’ultimo flagship.

Riuscirà a convincere la scelta di LG? Il design modulare sarà il futuro? Andiamo a scoprirlo insieme in questa recensione!

Recensione LG G5 – Smartphone modulare e rivoluzionario

La recensione sarà divisa in punti, tutti adeguatamente distinti tra loro, e si chiuderà con le conclusioni, un’opinione personale circa il dispositivo ed i consigli per gli acquisti.

Videorecensione

Confezione LG G5

LG G5 unboxing, confezione e contenuto. LG G5 contenuto: auricolari, cavo dati, alimentatore e smartphone

La scatola di questo LG G5 è molto simpatica ed originale, spiega effettivamente come rimuovere la batteria sfilando il Magic Slot, protagonista assoluto del design modulare.

Al suo interno troviamo:

  • Smartphone
  • Alimentatore Fast Charge
  • Cavo dati usb type-c
  • Cuffie in ear
  • Spilla per aprire il carrellino laterale
  • Manualistica

Oltre che bella quindi, la confezione è anche decisamente completa.

 

Qualità Costruttiva e Design di LG G5

LG G5 design posteriore unibody in alluminio LG G5 design anteriore LG G5 design laterale bilanciere volume LG G5 design laterale alloggiamento sim e micro sdLG G5 design superiore  LG G5 design basso

Uno degli aspetti più discussi di questo smartphone è stato proprio il suo design abbinato alla qualità dei materiali. Ovviamente la cosa è soggettiva ma a me ha colpito molto: le linee arrotondate sono comode e piacevoli da ammirare, il posteriore è diverso ed originale e la curvatura verso il basso del pannello frontale è molto elegante, specialmente nella colorazione Gold.

Per quanto riguarda la scelta dei materiali LG ha dichiarato che si tratta di  e mai vista prima, una specie di primer. Al tatto la sensazione è decisamente premium e si sente che è metallo ma risulta però un po’ meno scivoloso rispetto ad altri device che usano sempre l’alluminio.

Anche la costruzione della parte modulare ha creato una valanga di discussioni; nel mio terminale il magic slot è costruito con una attenzione e precisione molto elevata, infatti non balla e non lascia spazi  o scalini con il resto dello smartphone.

Ripeto, a me ha soddisfatto ed è per questo che faccio i complimenti all’azienda.

 

Specifiche Tecniche LG G5

LG G5 è un device che non scende a compromessi e che offre il meglio della tecnologia presente.

Ecco la sua scheda tecnica:

  • Dimensioni: 149.4 x 73.9 x 7.3 mm
  • Peso: 159 grammi
  • Sistema Operativo: Android 6.o Marshmallow LG UX 5.0
  • Processore: Qualcomm Snapdragon 820 quad core 2.2 ghz a 64 bit
  • GPU: Adreno 530
  • Memoria RAM: 4GB LPDDR4
  • Memoria Interna: 32GB espandibili fino a 200GB
  • Display: 5.3″ IPS Gorilla Glass 4
  • Risoluzione: QHD 2K 2560 x 1440
  • Fotocamera Posteriore Standard: 16 mpx con doppio flash led e autofocus laser
  • Fotocamera Posteriore Grandangolare: 8 mpx 135 gradi con doppio flash led e autofocus laser
  • Fotocamera Anteriore: 8 mpx
  • Video: fino a 4K
  • WIFI: 802.11 a/b/g/n/ac
  • Bluetooth: versione 4.2
  • GPS: A-GPS/GLONASS/BeiDou
  • NFC: si
  • Infrarossi: si
  • Connettività: 4G 3G 2G
  • Radio FM: si
  • Batteria: 2800 mah estraibile

 

Reparto Telefonico e Connessioni del G5

Veramente senza difetti la parte telefonica di questo LG: la ricezione è atomica e l’audio in capsula è pulito e deciso. Anche quello in vivavoce è di qualità assoluta.

LTE prende bene dappertutto senza problemi, sta poco fisso in HSDPA.

Concludo analizzando l’ottima potenza delle antenne WIFI, LG in accoppiata con Qualcomm, ha lavorato benissimo.

 

Display LG G5

LG G5 display ips 2k qhd da 5.3 pollici

LG sui propri smartphone ha sempre abituato bene i suoi clienti con ottimi pannelli che usano tecnologia IPS; ebbene sì, anche su questo G5 le aspettative non sono state deluse.

Lo schermo è una fantastica unità da 5.3 pollici con risoluzione QHD (2K) 2560 x 1440 pixel IPS caratterizzati da colori naturali ma vibranti, angoli di visuale quasi perfetti, neri profondi ed una luminosità massima veramente molto elevata, tanto che l’azienda dichiara che questo display può raggiungere ben 800 nits!

La bontà del pannello è indiscutibile e anche sotto la luce diretta del sole non si avrà alcun tipo di problema grazie all’ottimo trattamento oleofobico applicato da LG e alla sua luminosità elevata.

Piccola sfumatura il sensore di luminosità che spesso abbassa troppo il suo valore. Sicuramente è un problema risolvibile via software e sono sicuro che con i prossimi aggiornamenti l’azienda sistemerà tutto, rendendo questo reparto perfetto.

Ottimo lavoro LG!

 

Software

LG UX 5.0 interfaccia personalizzata

LG, con il suo nuovo top di gamma, ha dato una piacevole rinfrescata alla sua interfaccia rendendola più pulita e minimale graficamente, più immediata e semplice, più in linea, insomma, con le linee del material design, ma soprattutto molto più fluida e scattante.

Scorrere le pagine non è mai stato così veloce e appagante, dico davvero. La stessa esperienza positiva si avrà aprendo qualsiasi, e dico qualsiasi, tipo di applicazione, a partire da giochi pesanti fino a quelle per la produttività; non ho mai riscontrato, in questi giorni di utilizzo, crash, blocchi o lag di ogni genere, davvero stupefacente.

Ovviamente la potenza pura, grazie all’abbinamento snapdragon 820 e 4GB di RAM LPDDR4 aiuta e non poco.

Numerosi sono i miglioramenti e le chicche software integrate in questa nuova UX 5.0: partiamo ovviamente dal knock code (inventato da LG) che risponde sempre presente al nostro tocco, passiamo poi dai tastini a display personalizzabili con la possibilità di aggiungere ai soliti tre tasti Android o una freccia per abbassare direttamente la tendina delle notifiche o un pulsante per aprire le famose Q Slide Apps, ed arriviamo, quindi, alle impostazioni smart che consentono di scegliere delle modalità da impostare (ad esempio il silenzioso, quando si esce di casa o quando si entra in un luogo di lavoro). Tutto questo automaticamente attivato dallo smartphone!

Da non dimenticare poi la notevole gestione del sensore biometrico per le impronte digitali: esso sblocca sempre immediatamente il terminale, basterà letteralmente appoggiare il dito, ma non è finita qui; LG ha configurato due delle proprie applicazioni da proteggere con le impronte digitali: sto parlando della galleria e delle quick memo.

LG G5 always on display orario e notifiche

La novità più rilevante di questo 2016 sul G5 è la presenza dell’Always On Display: in sostanza, si tratta di una schermata totalmente nera che indica orario e notifiche rimanendo, appunto, sempre attiva. Ovviamente questa funzione influisce sull’autonomia visto che il display non utilizza la tecnologia AMOLED e, quindi, i pixel neri rimangono accesi. Per aggirare questo problema l’azienda coreana ha limitato tanto la luminosità di questi pixel, rendendo, però, questa schermata praticamente quasi invisibile sotto la luce del sole.
LG dichiara che, attivandola, si consumerà circa 0.8% all’ora; consiglio quindi di utilizzarla solamente nei casi di vera necessità, ad esempio al cinema o a scuola.

Infine concludo questa disamina software parlando del launcher personalizzato.

LG G5 launcher impostazioni LG G5 launcher

LG ha seguito la filosofia dei produttori occidentali ed ha, apparentemente, rimosso l’iconico e tanto adorato app drawer organizzando tutte le app nelle varie pagine. A mio avviso, la scelta è giusta perché, in questo modo, le schermate risultano più organizzate e trovare le applicazioni sarà un’operazione assolutamente immediata.
Per chi volesse tornare all’interfaccia col drawer, LG nel suo store chiamato Smartworld ha rilasciato un launcher chiamato LG Home 4.0 che mantiene le stesse funzionalità software ma aggiunge quel tastino per il menù tanto apprezzato dai veterani del robottino verde, accontentando così tutti.

La personalizzazione è elevata grazie ai numerosi temi presenti sullo store ed ai particolari e simpatici sfondi a 360 gradi che sfruttano il giroscopio.

Possibile regolare la griglia delle app fino a 5×5, aggiungere widget ed usufruire della schermata Smart Bulletin: questa schermata è accessibile da sinistra, un po’ come Google Now sui Nexus, solo che qui dentro saranno racchiuse una serie di app del produttore (health, quick remote, calendario, musica e smart settings) per vedere facilmente ed immediatamente tutti i contenuti e le funzionalità di ogni applicazione.

La suite delle app LG è molto curata e funzionale, non i soliti bloatware quindi. Essa comprende un’applicazione per la salute ed i passi chiamata Health, una per comandare TV ed altri apparecchi chiamata Quick Remote, un calendario, un’app per gestire le attività, Quick Memo per annotare qualsiasi appunto, un lettore musicale, una galleria, la radio FM, il meteo e così via.

Da sottolineare l’applicazione per gestire tutti i moduli ed i dispositivi da abbinare al G5 chiamata LG Friends Manager.

Per finire, a me questa nuova interfaccia ha convinto tantissimo non solo dal punto di vista grafico, ma soprattutto da quello delle prestazioni.

Gran bel lavoro!

 

Multimedialità

La parte multimediale, nello specifico quella fotografica, è l’asso nella manica di questo top di gamma. LG ci ha sempre abituato ad ottime fotocamere in grado di garantire praticamente sempre scatti sorprendenti, ma qui su questo G5 si è davvero superata: addirittura due sono le fotocamere presenti sul retro del device, una standard da 16 megapixel ed una grandangolare (con un angolo esagerato, fino a 135 gradi) da 8 megapixel.

Le foto risultano nitide, pulite e naturali: in condizione di luce favorevole sono impeccabili ma anche al buio non sfigura grazie alla messa a fuoco laser immediata e al doppio flash led, ecco per voi alcuni esempi:

LG G5 foto macro dettaglio LG G5 foto macro fiore colori naturali

Analizziamo la particolare camera grandangolare: gli scatti lasciano senza fiato poiché essa riesce a catturare cose che lateralmente non possiamo vedere!
La qualità è buona, direi ottima in condizione di luce favorevole.

Ecco alcuni scatti, guardate!

LG G5 scatto grandangolare 135 gradi LG G5 scatto grandangolare 135 gradi controluce

LG G5 scatto grandangolare 135 gradi luce scarsa

Risulta senza difetti anche la camera anteriore da ben 8 megapixel: i selfie sono ottimi così come anche la qualità delle videochiamate. Manca però il flash, niente di particolarmente grave.

LG G5 selfie fotocamera anteriore 8 megapixel

Il software del reparto fotografico è impeccabile: tanti sono i comandi manuali, tanti sono i filtri per le foto ed i settaggi da impostare. La velocità dello scatto è immediata, così come anche la messa a fuoco.

I video in 4K sono estremamente dettagliati e fluidi, di conseguenza anche quelli in FullHD. La stabilizzazione è eccellente grazie all’implementazione di quella ottica.

Nel nostro canale youtube verrà caricato un video test, così potrete tirare le somme e rendervi conto delle potenzialità di queste fotocamere.

La parte audio mi ha sorpreso positivamente: la cassa, posizionata in basso, emette un suono forte, con qualche basso ma nonostante tutto pulito.

Veramente nulla da dire sotto questo punto di vista, promosso a pieni voti!

 

Autonomia

2800 mah sono a disposizione dell’utente. Molti storceranno il naso visto che deve muovere un display con risoluzione altissima e un processore molto potente, ma i numeri non dicono tutto.

La giornata con uso medio la si passa tranquillamente, con uso intenso invece si arriverà verso le 20.

Presente la ricarica rapida 3.0 e, grazie al design modulare, c’è la possibilità di cambiare al volo la batteria con una sempre pronta e carica.

Online si può trovare il kit che comprende caricabatterie e batteria a circa 50 euro.

Certo si poteva fare di meglio, magari una 3000 mah, ma comunque non gli si può dire nulla.

 

Conclusioni

Siamo arrivati alla fine di questa recensione.

LG G5 si trova in tutte le grandi catene di elettronica al costo di 699 euro, online si trova già ad un centinaio di euro in meno.

Li vale o non li vale? Questo G5 è impeccabile sotto tutti i punti di vista, racchiude dentro di sè tutto il meglio che la tecnologia ha messo a disposizione in questo 2016.

Prestazioni al top, display bello, fotocamere ottime e divertenti, audio buono e parte telefonica da riferimento oltre ovviamente alla vera rivoluzione in campo tecnologico: il design modulare.

L’azienda coreana ha avuto coraggio a cambiare radicalmente le carte in tavola stanchi dei soliti terminali, e secondo me, è riuscita perfettamente nell’intento visto che questo G5 è un device audace, divertente, elastico ed originale.

Grazie ai moduli questo G5 non finirà mai di stupirvi, a patto però che tali moduli vengano supportati bene in futuro.

Ma, tornando alla domanda iniziale, li vale o no? Sì, li vale e non capisco perché non dovrebbe. Il prezzo elevato se lo può permettere visto che è esclusivo ed unico nel suo genere, una vera rivoluzione…E poi viaggia maledettamente bene. Lo abbiamo inserito, infatti, anche nella guida ai migliori smartphone Android

Ti lascio di seguito il prezzo più basso su Amazon e Trovaprezzi

Voto Finale 9

E voi cosa ne pensate? Vi ha colpito? Lo acquisterete?

Fatecelo sapere nei commenti e mi raccomando continuate a seguirci sia sul nostro sito che sul canale youtube.

Recensione LG G5 – Smartphone modulare ed innovativo ultima modifica: 2016-04-28T20:30:07+00:00 da Luca Di Giulio

migliori servizi AndroidMigliori rubriche e servizi offerti da Tuttoapp-android:
A) Pubblicizzare applicazioni in maniera professionale ed efficiente;
B) Migliori smartphone Android (con prezzi aggiornati ogni 5 ore);
C) Migliori tablet Android.
Shared