Modding

Sblocco bootloader Xiaomi: guida semplice passo dopo passo

sblocco-bootloader-xiaomi

Sblocco Bootloader Xiaomi: guida aggiornata 2020

Chi compra uno smartphone Xiaomi al giorno d’oggi lo fa per due motivi: sia per l’ottimo rapporto qualità-prezzo, che per le infinite possibilità di modding (come per esempio l’installazione di custom rom, diverse dalla MIUI).

Fino a tre anni fa i device Xiaomi erano venduti con il bootloader sbloccato, per consentire agli utenti di poter modificare il proprio dispositivo senza problemi.

Con l’introduzione del dm-verify da parte di Google, Xiaomi ha dovuto bloccare il bootloader dei suoi smartphone, limitando di fatto una delle peculiarità che da sempre hanno caratterizzato i device dell’azienda.

Questa limitazione, per fortuna, è solo software e infatti la stessa Xiaomi ha dato la possibilità di sbloccare il bootloader dei suoi smartphone senza perdere la garanzia!

A tal proposito ci teniamo a consigliarvi anche i device Xiaomi che rientrano tra i migliori smartphone sotto i 300 euro.

Senza dilungarci oltre, vi lasciamo ad una semplice guida per lo sblocco bootloader Xiaomi.

Guida sblocco bootloader Xiaomi: semplice guida senza rischio di brick

Ci sono dei requisiti per poter procedere con la seguente guida:

  • essere in possesso di un notebook o PC con Windows
  • aggiornate il vostro smartphone Xiaomi all’ultima versione disponibile
  • software MiFlash per i driver, installato sul vostro PC

N.B. la procedura di sblocco bootloader cancellerà tutti i dati del vostro smartphone Xiaomi, ripristinandolo alle condizioni di fabbrica.

Creazione di un account Xiaomi

Potete creare il vostro account Xiaomi in due diversi modi:

Questo passaggio è inutile nel caso abbiate già il vostro account.

Associazione Mi Account con lo smartphone Xiaomi

Il secondo step consiste nell’associazione del Mi Account con lo smartphone, in pochi semplici passaggi:

  • recatevi nelle impostazioni del vostro dispositivo, cliccate su “info sistema
  • abilitate le impostazioni sviluppatore tappando sette volte sulla versione MIUI
  • tornate nella schermata principale delle impostazioni
  • andate in “impostazioni aggiuntive“, poi su “impostazioni sviluppatore”
  • abilitate la voce “Debug USB” e poi cliccate su “Mi Unlock Status
  • adesso dovete inserire il vostro account Xiaomi.

Al termine dell’associazione, ci sarà una piccola finestra pop-up che vi confermerà l’associazione.

Scaricare Xiaomi Mi Unlock

Ora dovete recarvi sul sito dedicato allo sblocco, fare il login, e infine cliccare in alto a destra su “Unlock“.

Una volta effettuato il login, verrete reindirizzati alla pagina di download del software MI Unlock, necessario per lo sblocco del bootloader.

Sblocco bootloader

Terminato il download di Xiaomi Mi Unlock, estraete il contenuto dell’archivio in una nuova cartella sul desktop del vostro computer.

Aprite la cartella creata, e avviate l’icona “miflash_unlock.exe

Ora accettate le condizioni, poi inserite i dati dello stesso account Xiaomi che avete creato precedentemente (e che avete sul vostro smartphone).

Xiaomi Mi Unlock vi chiederà di mettere il vostro smartphone in modalità fastboot, e per poter andare avanti con la procedura di sblocco bootloader.

Per mettere il dispositivo in modalità smartphone: spegnetelo e, da spento, tenete premuti in contemporanea il tasto volume meno e il tasto accensione.

Il telefono si avvierà con una schermata nera con la scritta “fastboot” e il disegno della mascotte Xiaomi.

Adesso collegate il vostro smartphone Xiaomi al computer mediante cavo USB. Una volta collegato, cliccate sul pulsante “Unlock” nell’applicativo per Windows.

Per alcuni dispositivi e account può essere richiesta un’attesa che va dalle 72 ore alle 760 ore di attesa. Non cambiate o dissociate account, in quanto il conteggio di azzererà.

Al termine della procedura il telefono si riavvierà, cancellando tutti i vostri dati. Consigliamo di effettuare prima un backup.

La guida è terminata, se avete problemi, dubbi o volete chiarimenti scriveteci nel seguente box commenti. Saremo più che lieti di darvi una mano.

Articoli correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button