Recensione BQ Aquaris X Pro: medio di gamma con ambizioni da top!

Recensione Aquaris X ProBQ, azienda spagnola dai grandi valori e in forte ascesa nel nostro continente, ha presentato da poco due device che potremmo definire quasi gemelli, ma che si differenziano sotto alcuni punti di vista: una versione base già vista nella recensione del BQ Aquaris X; ed il fratello maggiore più potente, il BQ Aquaris X Pro.

Ambedue i modelli sono dei medi gamma, ma grazie alle loro specifiche tecniche e ai materiali premium ivi utilizzati (soprattutto nella versione Pro) si posizionano e scontrano tranquillamente con smartphone appartenenti ad una gamma superiore. I punti forti di questi device sono estetica, prestazioni, autonomia e fotocamera.

BQ, inoltre, ha recentemente dichiarato che il suo Aquaris X Pro rivoluzionerà il concetto di fotografia nell’ambito del mobile e, infatti, per questo device ha adoperato le stesse ottiche utilizzate da Samsung per il suo S7 prestando molta attenzione allo sviluppo e alla ottimizzazione del comparto fotografico.

 

Recensione BQ Aquaris X Pro

 

Ringraziando nuovamente BQ per l’invio del sample da testare vi lasciamo di seguito alla recensione dell’Aquaris X Pro.

 

Scheda tecnica

Marca e Modello
Marca BQ
Modello Aquaris X Pro
Misure
Dimensioni 146,5 x 72,7 x 7,8 mm
Peso 158 gr
Display
Dimensioni 5.2 Pollici
Risoluzione FullHD-Quantum Color+(1080*1920)
PPI 423
Processore e Memorie
CPU Qualcomm Snapdragon 626
GPU Adreno 506
RAM 4GB
ROM 64GB
Memoria Espandibile Si tramite MicroSD (fino a 256GB)
Connettività
Sim Dual Nano Sim
Reti 2G/3G/4G(LTE)
WiFi 802.11a/b/g/n(Doppia banda-2,4GHz|5GHz)
Bluetooth 4.2
NFC SI
GPS Glonass+Galileo
Fotocamera Anteriore
Sensore Samsung S5K4H8YX
Risoluzione 8MP
Flash Si
Fotocamera Posteriore
Sensore Samsung S5K2L7SX
Risoluzione 12MP, Dual Pixel f/1.8
Flash Si
Messa a fuoco PDAF Dual PD
Formato RAW Nativo
Batteria
Capacità 3100mAh
Tecnologia di Ricarica Qualcomm QuickCharge 3.0

 

Confezione e Unboxing

 

Come per il fratello minore, BQ ha utilizzato per il suo Aquaris X Pro una confezione cartonata di colore nero, elegante, piena del logo dell’azienda e del nome del device su quasi ogni lato, tranne che sul lato destro della scatola ove sono riportate le caratteristiche tecniche.

All’interno della confezione troverete:

  • smartphone;
  • un caricabatterie certificato Qualcomm QuickCharge 3.0;
  • una spilla per la rimozione del vano Sim;
  • un cavo dati di tipo Type-C;
  • un breve manuale di istruzioni.

recensione BqAquarisXPRO unboxing

 

Design e Costruzione

 

L’Aquaris XPro è molto simile in termini di design al fratello minore differenziandosi nel fatto che qui troviamo la back cover in vetro, la scocca realizzata in metallo e il vetro totalmente stondato ai bordi.

BQ ha utilizzato per questo smartphone un mix di materiali nobili (vetro e alluminio) che restituiscono un ottimo touch-and-feel nonchè una qualità premium, al pari dei top gamma realizzati dai competitor. La back cover realizzata in vetro rende questo Aquaris X Pro più scivoloso di Aquaris X: consigliato l’utilizzo di apposita cover per evitare che vi cada dalle mani mentre lo utilizzate.

BQ Aquaris X Pro frontalmente è identico ad Aquaris X, e di conseguenza la parte frontale possiamo analizzarla nella seguente maniera:

  • nella zona inferiore del display avremo il tasto home che ha la forma del logo dell’azienda e ai suoi lati i tasti multitasking e back, non retroilluminati (purtroppo);
  • nella zona superiore è posto il flash, la fotocamera frontale, il Led di Notifica RGB, i sensori di luminosità e prossimità nonché la capsula auricolare.

Sul versante destro del dispositivo sono posti il tasto di accensione e il bilanciere del volume, realizzati in metallo e molto solidi, mentre sul versante sinistro vi è solo lo scomparto per il carrello delle Sim (è possibile scegliere se inserire due Nano Sim oppure una Nano Sim e una scheda di memoria MicroSD).

Nella parte inferiore dello smartphone troviamo lo speaker mono, la porta Type-C per la ricarica, il trasferimento file o per il collegamento OTG e il microfono principale. Sulla parte superiore è posto il jack audio da 3.5 millimetro e il secondo microfono per la rimozione dei rumori di sottofondo.

Aquaris X Pro presenta sul retro il sensore per la lettura delle impronte posto al quasi al centro della back cover e la fotocamera con il dual flash led posta in alto a sinistra, posizionata in senso verticale.

Il dispositivo è disponibile all’acquisto in due colorazioni::

  • Glaze White (colorazione del sample da noi testato);
  • Midnight Black.

 

Display

 

BQ Aquaris X Pro monta un display 2.5D del tipo IPS LTPS (Low Temperature PolySilicon, tecnologia che migliora la leggibilità e gli angoli di visione) con una diagonale di 5.2 pollici, con una risoluzione risoluzione FullHD Quantum Color+.

Rispetto al modello base i colori sono molto più vivi e fedeli a quelli che l’occhio umano percepisce dal vivo, ottimi i bianchi, i neri ma soprattutto gli angoli di visione e la visibilità sotto la luce diretta del sole. Al riguardo della luminosità questa è in grado di raggiungere i 600 nits attivando la funzione Exanded Brightness (attivabile manualmente) o la  modalità di luminosità adattiva.

Il display è inoltre protetto da un vetro di tipo Cristal Dinorex (NEG) con un buon trattamento oleofobico, e molto più resistente ai graffi del semplice vetro Dinorex presente su Aquaris X.

 

Prestazioni e Software

 

recensione BqAquarisXPRO test antutu

Risultato test su Antutu Benchmark

A muovere BQ Aquaris X Pro troviamo lo Snapdragon 626, processore Qualcomm in grado di raggiungere una frequenza massima di clock pari a 2.2GHz. Questo SoC, insieme alla GPU Adreno 506 e alla grande ottimizzazione software, è in grado di far girare lo smartphone in modo fluido in qualunque circostanza, anche con applicazioni molto pesanti.

BQ Aquaris X Pro è disponibile in tre versioni con memorie differenti:

  • 3Gb di Ram e 32Gb di Rom;
  • 4Gb di Ram e 64Gb di Rom;
  • 4Gb di Ram e 128Gb di Rom.

Il software preinstallato ha come base Android Nougat 7.1.1 con patch sicurezza Agosto 2017 senza personalizzazioni da parte della casa produttrice, è presente solo la sezione degli aggiornamenti. Grazie all’ottimo lavoro di ottimizzazione software-hardware lo smartphone risulta sempre fluido e nel nostro periodo di test non abbiamo riscontrato surriscaldamenti anomali o eventuali lag o bug.

Rispetto al modello base abbiamo un giga in più di Ram e dei tagli di memoria da 64 e 128gb, ovviamente espandibili mediante l’utilizzo di schede di memoria MicroSD (sono ivi supportate memorie fino a 256Gb!).

Avendo utilizzato il software puro di Big-G troviamo tutte le funzioni innovative di Android Nougat tra cui:

  • Launcher Shortcut: grazie alla pressione prolungata sull’icona di una applicazione posta in home è possibile aprire una tendina con varie azioni rapide, una sorta di Touch 3D (o Force Touch);
  • Notifiche Nougat: nella schermata di blocco e nella tendina della notifiche è possibile scegliere delle azioni (per singola notifica) come ad esempio la risposta rapida ad un messaggio ricevuto su WhatsApp o Telegram;
  • Multiwindows: attivabile o dal multitasking (tenendo premuto sulla prima applicazione, spostarla verso l’alto e poi selezionare l’altra) o aprendo una qualunque applicazione, operare una pressione prolungata sul tasto del multitasking e poi segliere l’altra applicazione;
  • Personalizzazione home: è possibile personalizzare la home con sfondi (quelli di default sono solo quattro e sono molto simili tra loro) e widget facendo un tap prolungato in un punto vuoto della home;
  • Google Feed: attivabile operando uno swipe da sinistra verso destra (in pratica nella stessa maniera con cui si avvia sui Google Pixel);
  • Gesture: nelle impostazioni potrete decidere di avviare in maniera rapida la fotocamera con un doppio click sul tasto power oppure risvegliare il display per visualizzare le notifiche semplicemente sollevando il dispositivo.

Oltre tutte le applicazioni Google preinstallate troverete anche la Radio FM, l’app per registrare lo schermo e il registratore audio.

 

Connettività

 

BQ Aquaris X Pro è uno smartphone dual sim col supporto alla banda 4G (LTE) FDD (800/1800/2100/2600) – (B20/B3/B1/B7), banda 3G HSPA+ (850 / 900/ 1900 / 2100) (B5 / B8 / B2 / B1) e banda 2G GSM (850/900/1800/1900). Grazie all’ampio ventaglio di bande supportate potrete utilizzare questo smartphone in qualunque parte del mondo, senza alcun problema e differentemente dal modello base riuscirete ad agganciare la rete LTE+.

La ricezione è buona così come lo switch a caldo tra le due Nano Sim e la gestione di queste è veramente semplice grazie all’apposito menù all’interno delle impostazioni dove potrete impostare la Sim predefinita per chiamare, inviare messaggi o connettervi alla rete dati, o attivare e/o disattivare una delle Sim.

La qualità delle chiamate in entrata e uscita ci ha convinto e anche l’audio riprodotto dal vivavoce è buono, a differenza di Aquaris X.

Immancabile la presenza del gestore del consumo dati, col quale potrete tenere sotto controllo la quantità di dati consumati e impostare dei limiti di utilizzo (solo su scala mensile però).

Il WiFi è del tipo dual band con supporto alle bande a/b/g/n, il Bluetooth è in versione 4.2 con tecnologia aptX, il GPS aggancia in maniera molto veloce i satelliti grazie all’utilizzo congiunto del Glonass e di Galileo e non manca il modulo NFC.

 

Audio

 

Lo speaker di sistema è anche qui di tipo mono ed è posto nella parte inferiore dello smartphone. COme su Aquaris X è presente l’amplificatore NXP e la tecnologia aptX per migliorare la qualità audio in uscita con cuffie, casse e auricolari Bluetooth.

Presenti anche degli altoparlanti del tipo Smart PA che in aggiunta al supporto HiFi e all’Audio HD restituiscono un suono pulito in qualunque circostanza. Immancabili i microfoni per la soppressione dei rumori posizionati sulla parte superiore e inferiore dello smartphone.

Aquaris X è compatibile con la tecnologia HiFi e Audio HD e sono presenti due microfoni per la riduzione del rumore, posizionati sulla parte superiore e inferiore del device.

 

Foto e Video

 

BQ ha deciso di fare le cose in grande per quanto concerne il comparto fotografico del suo Aquaris X Pro, infatti è ivi montato il medesimo sensore di Galaxy S7, precisamente il Samsung S5K2L7SX da 12 megapixel con tecnologia Dual-Pixel a cinque lenti, apertura focale f/1.8 e pixel di 1.4 micron.

La messa a fuoco è molto rapida, la qualità degli scatti è ottima, al pari di molti top gamma attualmente sul mercato, i colori sono naturali e gli scatti in modalità HDR sono quasi istantanei. In condizioni di buona luminosità Aquaris X Pro offre scatti di elevata qualità, mentre quando la luce inizia a scarseggiare (per intenderci al crepuscolo) la resa non perde più di tanto come ci si aspetterebbe da qualunque altro smartphone nella medesima condizione di scatto. La differenza di qualità è notevole rispetto al modello base.

Il software della fotocamera integra una nuova funzione automatica che ante scatto combina sei di dieci fotogrammi presi poco prima di scattare la foto, e tale funzione si chiama Multi-Image Processing.

Aquaris X Pro consente di registrare video in risoluzione fino alla risoluzione 4K a 30fps: i video vengono abbastanza bene grazie all’ausilio della stabilizzazione elettronica realizzata dagli ingegneri di casa BQ. Per ottenere dei video con una migliore fluidità è consigliabile registrare in FullHD a 60fps. Anche l’audio in registrazione è molto buono grazie ai due microfoni per la soppressione del rumore.

La fotocamera frontale è la medesima montata su Aquaris X, da 8 megapixel, che restituisce ottimi selfie e possibilità di registrare video in FullHD. E’ anche qui presente la modalità bellezza e un piccolo flash led anteriore per facilitare gli scatti in condizioni di scarsa luminosità o al buio.

 

Autonomia

 

BQ Aquaris X Pro è alimentato da una batteria agli ioni da ben 3100mAh non removibile con ricarica rapida Qualcomm QuickCharge 3.0. L’alimentatore presente in confezione supporta il QuickCharge 3.0 di Qualcomm.

Grazie alla tecnologia di ricarica rapida Qualcomm riuscirete a caricare la batteria del vostro Aquaris X Pro in poco più di novanta .minuti

L’autonomia è identica a quella di Aquaris X, riuscendo a raggiungere circa le sei ore di schermo acceso con un utilizzo combinato rete dati-connessione WiFi.

 

Conclusioni

 

Dopo un lungo e intenso periodo di stress-test possiamo condividere con voi la nostra opinione su questo BQ Aquaris X Pro.

Aquaris X Pro è un ottimo medio-gamma in grado di competere con molti smartphone di fascia superiore sotto diversi profili: fotocamera (avendo il medesimo sensore del Galaxy S7), qualità dei materiali e ottimizzazione software. Il prezzo è leggermente alto se confrontato con altri device simili, ma c’è da tener presente che è disponibile all’acquisto anche una versione da 128 Gb di memoria espandibile con MicroSD fino a 256 Gb.

Vi chiederete allora il perché preferire questo smartphone piuttosto che altri citati nella nostra guida ai migliori smartphone Android oppure, più nello specifico, ai telefoni da 300 euro. Beh la risposta è semplice: BQ è un’azienda che cura i propri dispositivi in ogni loro particolare, presta attenzione alle esigenze degli utenti ma, soprattutto, riesce a garantire un ottimo rapporto qualità-prezzo con una garanzia che non ha pari sul territorio europeo.

BQ Aquaris X Pro è disponibile all’acquisto sul noto e-commerce Amazon nelle diverse varianti che cambiano, come già detto, per quantitativo di memorie RAM e ROM:

 

Recensione BQ Aquaris X Pro: medio di gamma con ambizioni da top! ultima modifica: 2017-09-05T12:30:54+00:00 da Alberto Gioia

migliori servizi AndroidMigliori rubriche e servizi offerti da Tuttoapp-android:
A) Pubblicizzare applicazioni in maniera professionale ed efficiente;
B) Migliori smartphone Android (con prezzi aggiornati ogni 5 ore);
C) Migliori tablet Android.
Shares